IL BREAKOUT DI BITCOIN SOPRA GLI 11.000 DOLLARI DOVREBBE PORTARE AD UN MASSIMO STORICO: ANALISTA

  • Bitcoin ha superato il lunedì da 11.000 dollari per la prima volta dall’agosto 2019.
  • Il rally è apparso come un dollaro che si stava indebolendo, iniettando nuovo slancio di acquisto nei beni del rifugio sicuro.
  • Josh Rager, il co-fondatore di Blockroots, ha dichiarato che l’ultimo salto dovrebbe portare Bitcoin a un massimo storico dopo aver ricordato una mossa simile dal 2019.

Una raffica di fondamentali di supporto ha aiutato la Bitcoin a superare gli 11.000 dollari, un livello che ha toccato per l’ultima volta nell’agosto del 2019.

La crittovaluta di riferimento ha stabilito un massimo dell’anno a 11.420 dollari il lunedì, proprio come un dollaro USA che si stava indebolendo ha fatto salire le offerte per i beni rifugio. L’anticipo ha segnato il terzo guadagno giornaliero consecutivo di Bitcoin Revolution, con un aumento del prezzo di ben il 19,57% (dati Coinbase).

La Bitcoin ha guadagnato fino al 25% nel terzo trimestre, e circa il 50% quest’anno, il che la rende una delle attività più performanti nel 2020.

IN TESTA ALLA CLASSIFICA DI TUTTI I TEMPI

Josh Rager, il c0-founder di Blackroots.com, ha dichiarato martedì scorso che vede la Bitcoin continuare la sua corsa dei tori per stabilire un massimo di tutti i tempi alla fine.

L’analista ha spiegato che l’ultimo rally della Cryptocurrency assomiglia a quello iniziato nell’aprile 2019.

All’epoca, il tasso di cambio BTC/USD aveva un andamento laterale per tutto il periodo febbraio-marzo. Più tardi, il 2 aprile, la coppia è uscita dal suo range laterale con un decisivo 1.000 dollari-candela. Tre mesi più tardi, si era formata una coppia che aveva raggiunto un massimo di oltre 13.000 dollari l’anno precedente.

„Questa chiusura giornaliera è sorprendente e potrebbe benissimo assomigliare alla candela da 1.000 dollari dell’aprile 2019 che ha chiuso il mercato dell’orso e ha alimentato un rally a 13.000 dollari“, ha detto il signor Rager. „Solo che questa volta, il rally dovrebbe portare a nuovi record di tutti i tempi per BTC“.

Victor Dergunov, il fondatore dell’Albright Investment Group, ha inoltre dichiarato che la Bitcoin potrebbe superare i 20.000 dollari entro la fine di quest’anno. Anche se, a suo parere, i guadagni sarebbero dovuti alla crescente esposizione della criptovaluta nel mainstream.

„Il Bitcoin è stato ufficialmente classificato come merce negli Stati Uniti per anni, ma ora sta anche iniziando ad essere riconosciuto come valuta o come mezzo ufficiale di scambio“, ha detto in una nota.

IL BITCOIN INCONTRA LA MACRO

Le prospettive positive sono state ulteriormente sostenute dai catalizzatori macroeconomici di sostegno.

Bitcoin si è mobilitata su una domanda di rifugio sicuro in forte espansione, un sentimento che ha anche aiutato l’oro a spingere più in alto verso il suo massimo storico.

Le loro offerte sono aumentate sullo sfondo di una crescente spaccatura tra Stati Uniti e Cina e del crescente numero di casi COVID negli Stati Uniti.

L’incertezza economica prevalente ha mantenuto le banche centrali e i governi in modalità di allentamento. La Federal Reserve ha mantenuto i tassi di interesse di riferimento vicino allo zero da un lato e dall’altro sta acquistando titoli del Tesoro con una riserva di capitale di 2.000 miliardi di dollari.

La nuova liquidità del fiat ha spinto il dollaro al minimo storico di due anni. Nel frattempo, i tassi d’interesse più bassi hanno spinto il rendimento reale del Tesoro a 10 anni – corretto per l’inflazione – a un minimo storico di meno 0,9%. Così sembra che gli investitori stiano esaurendo i rifugi sicuri, rendendo più appetibili beni come l’oro e il Bitcoin.

Related Post